Vincere la malattia con la medicina della persona

La malattia è una grande occasione per creare una felicità più consapevole:
è la possibilità che il corpo ci ha dato per essere diversi da ciò che siamo.

Dopo tanta sofferenza, potremo ritrovarci a essere persone più forti e consapevoli.
Persone capaci di conquistare il diritto a un’insindacabile felicità.

BIO

Università degli Studi di Milano

Gabriella Pravettoni è Docente di Psicologia Cognitiva e delle Decisioni presso l’Università Statale di Milano, l’Ateneo che da qualche anno lavora ad una nuova dimensione del rapporto medico-paziente.

L’Università Statale di Milano ha istituito, prima in Italia, la “Cattedra di Umanità”, il corso di umanizzazione delle cure finalizzato a formare medici capaci di ascolto e di relazione con il paziente nella sua dimensione esistenziale, emotiva e sociale.

UNIVERSITA’

IEO Istituto Europeo di Oncologia

Gabriella Pravettoni è Direttore della Divisione di Psiconcologia dell’Istituto Europeo di Oncologia, dove svolge un ruolo di supervisione di casi clinici e di impostazione e analisi dei trattamenti psicologici in pazienti oncologici, portando nella pratica clinica i risultati dei vari progetti di ricerca internazionali nei quali è coinvolta.

IEO

Senza Paura - Pravettoni Veronesi - Mondadori

IN LIBRERIA

Senza Paura

Vincere il tumore con la medicina della persona

“La vita, grazie alla medicina della persona che ci invita a reagire con coraggio e a superare le nostre paure, è più forte della malattia. Capire questo è il primo passo verso la vittoria.”

APPROFONDISCI

VAI ALLE PUBBLICAZIONI SCIENTIFICHE

Ultimi Articoli dal Blog

Milan Ambassador Programme

5 ottobre 2017|0 Comments

  Milan Ambassador Programme Il giorno 20 settembre

Healing Wings – Psicologia e Vela per pazienti oncologiche

6 giugno 2017|0 Comments

Progetto Healing Wings promosso dal Centro Velico Caprera in collaborazione con l'Istituto Europeo di Oncologia

Gabriella Pravettoni TEDxPolitecnicodiMilano

25 maggio 2017|0 Comments

Decision making in a world of information overload

TUTTI GLI ARTICOLI